Pagina:Sull'opportunità delle strade ferrate nello Stato Pontificio.djvu/47


45


potremo invidiare, e speriamo, anzi riteniamo certo, che dal canto della popolazione non mancherà nè impegno, nè intelligenza.

Favori che ripromette la presenza

dei due mari


Lo stato pontificio, che situato a mezzo dell’Italia, trovasi fiancheggiato da due mari, l’Adriatico ed il Mediterraneo ne reclama altamente la comunicazione, senza giungere ad Otranto e passare il Faro per ottenerla o dipendere da scali di altri Stati.

Tale comunicazione fu reputata sempre utilissima allo stesso stato, per due importantissimi motivi. Il primo, per avvivare il porto di Ancona, stato sempre lo scalo del levante, e quello di Civitavecchia atto a fruir della stessa circostanza pel ponente, e quando fossero in facile comunicazione fra loro, potrebbero recare al commercio immensi vantaggi; e l’altro per togliere la sproporzione dei prezzi su’ diversi generi fra l’una e l’altra spiaggia. Sono noti i progetti in altri tempi apparsi per ottenerla, anche col difficile e dispendiosissimo mezzo di un canale naviglio d’incerta riuscita. E nello scopo di tale comunicazione, indipendentemente dai vantaggi particolari allo Stato pontificio, istancabilmente si opera all’estero, studiando di combinarla all’infuori dello Stato medesimo, e può già dirsi che l’alta Italia l’abbia ottenuta mediante la gran linea Ferdinandea in costruzione da Venezia a Milano, in guisa che non resta a desiderare che il corto tratto da Milano a Genova; e nella parte inferiore il regno di Napoli se n’è pur messo in possesso, avendo già il Re decretato quella fino a Barletta.