Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/713


/ ra I vX/