Pagina:Storia delle arti del disegno III.djvu/542

524 I n d i c e


Due Sileni con Bacco fanciullo fra le braccia II. 280.

Due Satiri, o Fauni giovani I. 335.

Bassorilievo, in cui Winkelmann crede rappresentata Auge, e Telefo suo figlio, ma che piuttosto deve rappresentare Protesilao, che prende congedo dalla sua sposa Laodamia per andare alla guerra di Troja, come crede il ch. Visconti II. 22.

Spada. Statua di Pompeo II. 321.

Venere, andata in Inghilterra presso il lord Egremont I. 316. 412.

Bellerofonte e Pegaso quali al naturale in bassorilievo III. 16. 470.

Altro bassorilievo, in cui si rappresenta Archemoro ucciso da un serpe, cogli eroi di Tebe III. 470. seg. Sei altri bassirilievi d’eguale grandezza Ivi.

Verospi. Statua di Diana minore della grandezza naturale col panneggiamento d’alabastro agatino, testa, mani, e piedi di bronzo moderni, ora rifatti di marmo, andata in Francia II. 16.

Esculapio, colla iscrizione allo zoccolo ASSALECTVS II. 144.

Lottatore in marmo bianco, che tiene un’ampolla d’olio nella destra in atto di versarlo nella sinistra per ungersi, ora in Inghilterra I. 376. III. 260.

Testa in basalte verde di lottatore, o giovane eroe con orecchie da Pancraziaste, comprata dal baron di Breteuil I. 129. II. 18.


V i l l e.


Albani. statue. Iside, donna Isiaca, in marmo bigio morato con testa di basalte non sua I.97. 107. 109. 110. III. 43 2.

Statua di donna vestita colla testa di leone, o piuttosto di cebo, in granito nero I. 88.91. 127. III. 430.

Statua egizia alta 14. palmi, di granitello d’Egitto, col pilastro dietro pieno di geroglifici I. 80.

Statuetta di plasma di smeraldo, alta circa un palmo e mezzo, sedente, con geroglifici al suppedaneo, che si crede rappresentare Osiride I. 138.

Pastoforo egiziano inginocchiato, di granito nero I. 86. 128. III. 429.

Statua egiziana sedente d’alabastro di Tebe I. 137. II. 17.

Sacerdote egiziano in marmo nero I. 118. III. 432.

Preteso Sacerdote etrusco I, 18. III. 424.

Diana Efesina 1. 385. col. 1.

Esculapio maggiore della grandezza naturale I. 305. III. 260.

Bacco alto nove palmi, restaurato I. 300.

Pallade d’antichissimo stile, e dell’ultimo finimento, Angolare per la cintura di serpi, e per la pelle di capra, o egide, che le copre il petto, e la schiena fino alle gambe I. 356.

Altra con pelle di cane, o altro animale, in capo, e manto doppio I. 101. 408. 418. II. 11. 12. III. 432.

Altra della medesima dea conservatissima, che nell’elmo ha una sfinge alata,e due grifi, e manto doppio I. 370. 371. 408. 418. 426. 432. II. 11. 12.

Altra in bronzo coll’elmo cinto di cavalli alati con due Pegasi maggiori, e una sfinge in cima 1. 426. II. 46.

Statuetta d’alabastro con testa, mani, e piedi di metallo, effigie di Pallade, con due grifi, e una sfinge nell’elmo II.46.

Altra statuetta d’alabastro con testa, mani, e piedi di metallo, effigie di Diana cacciatrice II. 17. 46.

Apollo Saurottono, in bronzo I. 33 J. II. 36. 46. 224.

Apolio Pitio sedente II. 360. col. 2.

Cupido dormente II. 121.

Statuetta in bronzo, che pare un modelletto dell’Ercole Farnesiano di Glicone II.46. III.459.

Teti in atto di salire sulla nave I. 3 1 5. 383. II. 391.


Leu-