Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/99


i - rime d'amore 93


CLXIX

Teme ch’egli la lasci per altra donna.

     A che piú saettarmi, arcier spietato?
Se tu lo fai per mostrar la tua forza,
io ho già tutto dentro e ne la scorza
questo misero corpo arso e ’mpiagato.
     Se tu lo fai per farmi un dí placato
chi la mia libertà mi lega e smorza,
tu speri invan, perché tua poggia ed orza
nulla rileva il suo legno ostinato.
     Egli si pasce del mio crudo strazio,
quanto è maggior, e de l’aspre mie pene,
non pur che mai ne sia pentito e sazio;
     ed in una gran téma mi mantiene
che, fatto d’altra donna, in breve spazio
mi torrà le sue luci alme e serene.


CLXX

Tutto soffrirà, pur ch’egli non sia d’un’altra.

     Fammi pur certa, Amor, che non mi toglia
tempo, fortuna, invidia o crudeltade
la mia viva ed angelica beltade,
quella ch’appaga e queta ogni mia voglia;
     e dammi quanto sai tormento e doglia:
che tutto mi sarà gioia e pietade;
tonimi riposo, tonimi libertade,
e, se ti par, tonimi anco questa spoglia:
     che per certo io morrò lieta e contenta,
morendo sua, pur che non vegga io
ch’ella sia fatta d’altra donna, o senta.
     Questa sol téma turba il piacer mio,
questa fa ch’a’ miei danni non consenta,
e fa la speme ritrosa al desio.