Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/71


i - rime d'amore 65


CXIII

Vorrebbe che lo stato presente fosse durevole.

     Dch foss’io almen sicura che lo stato,
dov’or mi trovo, non mancasse presto,
perché, sí come or è lieto ed or mesto,
sarebbe il piú felice che sia stato.
     I’ho Amore e ’l mio signor a lato,
e mi consolo or con quello, or con questo;
e, sempre che di loro un m’è molesto,
ricorro a l’altro, che m’è poi pacato.
     S’Amor m’assale con la gelosia,
mi volgo al viso, che ’n sé dentro serra
virtú ch’ogni tormento scaccia via:
     se ’l mio signor mi fa con ira guerra,
viene Amor poi con l’altra compagnia,
vera umiltà ch’ogni alto sdegno atterra.


CXIV

Non riesce a scriver degnamente del suo amore.

     Mille volte, signor, movo la penna
per mostrar fuor, qual chiudo entro il pensiero,
il valor vostro e ’l bel sembiante altero,
ove Amor e la gloria l’ale impenna;
     ma perché chi cantò Sorga e Gebenna,
e seco il gran Virgilio e ’l grande Omero
non basteriano a raccontarne il vero,
ragion ch’io taccia a la memoria accenna.
     Però mi volgo a scriver solamente
l’istoria de le mie gioiose pene,
che mi fan singolar fra l’altra gente:
     e come Amor ne’ be’ vostr occhi tiene
il seggio suo, e come indi sovente
sí dolce l’alma a tormentar mi viene.