Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/49


i - rime d'amore 43


LXXIII Fosse certa ch’egli pensa a lei qualche volta! Dch foss’io certa almen ch’alcuna volta voi rivolgeste a me l’alto pensiero, conte, a cui per mio danno i cieli diêro sí da’ lacci d’Amor l’anima sciolta. L’acerba pena mia nel petto accolta, l’empia mercé del dispietato arciero, i sospir, che ’n amor sola mi fêro, avrian triegua talor o poca o molta. Ma ’l sentirmi patir carca di fede, senza mover pietade a chi mi strugge, a chi contento i miei tormenti vede, sí le speranze mie tronca et adugge, che, se Dio di rimedio non provede, l’alma per dipartirsi freme e rugge.

LXXIV

L’amore, che le dà i tormenti, le dà il modo di descriverli.

     La gran sete amorosa che m’afflige,
la memoria del ben onde son priva,
che mi sta dentro al cor tenace e viva,
sí che null’altra piú forte s’affige,
     sovra ogni forza mia move et addige
la vena mia per sé muta e restiva,
e fa che ’n queste carte adombri e scriva
quanto aspramente Amor m’arde e trafige.
     Chi fa qual noi parlar la muta pica?
chi ’l nero corvo e gli altri muti uccelli?
La brama sol di quel che li nutrica.
     Però s’avien ch’io scriva e ch’io favelli,
narrando l’amorosa mia fatica,
non sono io no, son gli occhi vaghi e belli.