Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/35


i - rime d'amore 29


XLVIII

Lontana da lui, vive nel pianto.

     Come l’augel, ch’a Febo è grato tanto,
sovra Meandro, ove suol far soggiorno,
quando s’accosta il suo ultimo giorno,
move piú dolci le querele e ’l canto,
     tal io, lontana dal bel viso santo,
sovra il superbo d’Adria e ricco corno,
morte, téma ed orror avendo intorno,
affino, lassa, le querele e ’l pianto.
     E sono in questo a quell’uccel minore:
che per quella, onde venne, istessa traccia
ritorna a Febo il suo diletto olore;
     ed io, perché morendo mi disfaccia,
non pur non torno a star col mio signore,
ma temo che di me tutto gli spiaccia.


XLIX

Perché egli ritarda al convegno?

     Qual sempre a’ miei disir contraria sorte
fra la spiga e la man mi s’è tramessa,
sí che la gioia, che mi fu promessa,
tarda tanto a venir per darmi morte?
     Le mie due vive, due fidate scorte,
il signor mio, anzi l’anima stessa,
l’imagin, che nel cor m’è sempre impressa,
perché non batte omai, lassa, a le porte?
     L’alma allargata a questa nova speme,
che ristretta nel duol prendea vigore,
mancherà tosto certo, se non viene.
     E saran de’ miracoli d’Amore,
ch’un’ombra breve di sperato bene
tolga altrui vita, e dia vita il dolore.