Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/28

22 gaspara stampa


XXXIV

Ad Amore.

     Sai tu, perché ti mise in mano, Amore,
gli stral tua madre, ed agli occhi la benda?
Perché quella saetti, impiaghi e fenda
i cor di questo e quel fido amatore;
     e con questi non possi veder fuore
de’ colpi tuoi la crudeltà stupenda,
sí che pietoso affatto non ti renda,
o almen non tempri l’empio tuo furore.
     Che, se vedessi un dí la piaga mia,
o non saresti dio, ma cruda fèra,
o pietoso o men aspro ti faria.
     Non vorrei già che tu vedessi in cera
I raggi del mio sol; ché ti parria
forse a l’incontro picciola e leggera.


XXXV

Recandosi a soggiornare nei luoghi dov’egli è nato.

     Accogliete benigni, o colle, o fiume,
albergo de le Grazie alme e d’Amore,
quella ch’arde del vostro allo signore,
e vive sol de’ raggi del suo lume;
     e, se fate ch’amando si consume
men aspramente il mio infiammato core,
pregherò che vi sieno amiche l’ôre,
ogni ninfa silvestre ed ogni nume,
     e lascerò scolpita in qualche scorza
la memoria di tanta cortesia,
quando di lasciar voi mi sarà forza.
     Ma, lassa, io sento che la fiamma mia,
che devrebbe scemar, più si rinforza,
e più ch’altrove qui s’ama e disia.