Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/137


i - rime d'amore 131

CAPITOLI


CCXLI

Che cosa è amore.

     Donne, voi che fin qui libere e sciolte
degli amorosi lacci vi trovate,
onde son io e son tant’altre avolte,
     se di saper che cosa sia bramate
quest’Amor, che signor ha fatto e dio
non pur la nostra, ma l’antica etate,
     è un affetto ardente, un van disio
d’ombre fallaci, un volontario inganno,
un por se stesso e ’l suo bene in oblio,
     un cercar suo malgrado con affanno
quel che o mai non si trova, o, se pur viene,
avuto, arreca penitenzia e danno,
     un nutrir la sua vita sol di spene,
un aver sempre mai pensieri e voglie
di fredda gelosia, di dubbi piene,
     un laccio che s’allaccia e non si scioglie,
quando altrui piace, un gir spargendo seme,
di cui buon frutto mai non si ricoglie,
     una cura mordace, che ’l cor preme,
un la sua liberiate e la sua gioia
e la sua pace andar perdendo insieme,
     un morir, né sentir perché si moia,
un arder dentro d’un vivace ardore,
un esser mesta e non sentir la noia,