Pagina:Stampa, Gaspara – Rime, 1913 – BEIC 1929252.djvu/103


i - rime d'amore 97


CLXXVII

Lamentasi della fortuna, essendo prossima la partenza di lui.

     Poi che tu mandi a far tanta dimora,
empia Fortuna, in sí lontan paese
il chiaro e vivo raggio che in’accese,
empia ed aversa a’ miei disiri ognora,
     conveniente e giusto e degno fora
che tu mi fossi almen tanto cortese,
che quest’ore sí brevi avesse spese
qui meco tutte lui che m’innamora;
     sí che ’l cor e gli orecchi e gli occhi insieme
prendesser cibo a sostenermi in vita
quel lungo tempo poi ch’ei fia lontano.
     Ma tu stai dura, ed io mi doglio invano,
dal ciel, da te e poi d’Amor tradita:
però l’alma di ciò sospira e geme.


CLXXVIII

Egli la strazia e tradisce: ella pur l’ama.

     Perché mi sii, signor, crudo e selvaggio,
disdegnoso, inumano ed inclemente,
perché abbi vòlto altrove ultimamente
spirto, pensieri, cor, anima e raggio,
     non per questo adivien che ’l foco, ch’aggio
nel petto acceso, si spenga o s’allente;
anzi si fa piú vivo e piú cocente,
quant’ha da te piú strazi e fiero oltraggio.
     Ché, s’io t’amassi come l’altre fanno,
t’amerei solo e seguirei fin tanto
ch’io ne sentissi utile, e non danno;
     ma per ciò ch’amo te, amo quel santo
lume, che gli occhi miei visto prima hanno,
convien ch’io t’ami a l’allegrezza e al pianto.