Pagina:Sotto il velame.djvu/471


I.


LA DONNA GENTILE E LUCIA



La Donna Gentile che è nel cielo, significa per certo la Misericordia di Dio. Ella si compianse dell’impedimento del viatore, e frangeva il duro giudizio che di lui si faceva. Era la Misericordia che tratteneva la Giustizia. Ed è certo che la Donna, in cui la Misericordia s’impersona, si chiama Maria. Qual Donna può chiamarsi “gentile„ o nobile, per eccellenza, se non quella che “nobilitò„ l’umana natura? Qual Donna può compiacersi del male d’una creatura e frangere il giudizio a lei avverso, se non quella la cui1

benignità non pur soccorre a chi domanda, ma molte fiate liberamente al domandar precorre?

se non quella in cui è “misericordia„ e “pietate„? Ma sopra tutto che ella si chiami Maria, si rileva da ciò che, Maria, come si discerne facilmente, ha in

  1. Par. XXXIII 16 segg. Vedi v. 5 e 19.