Pagina:Sotto il velame.djvu/428


E troveremo la scienza nel cielo di Saturno? Certo v'è la beatitudine dei pacifici. Già Saturno "sotto cui giacque ogni malizia morta" bene nomina il cielo che è opposto al prime cerchio della malizia, dove Virgilio spense quell'ira bestiale. E sono contemplanti i pacifici che lassù godono. Ma è in questa spera indizio di quel dono per il quale la ragion pratica è condotta ad apprendere la verita? Si. In questa spera a una domanda sulla predestinazione si risponde:1

Ma quell'alma nel ciel che più si schiara,
quel serafin che in Dio più l'occhio ha fisso,
alla domanda tua non satisfara;

però che sì s'inoltra nell'abisso
dell'eterno statute quel che chiedi,
che da ogni creata vista e scisso.
 
Ed al mondo mortal, quando tu riedi,
questo rapporta, si che non presuma
a tanto segno piu mover li piedi.
La mente che qui luce, in terra fuma.


Così è dichiarato un limite alla scienza. E poi Pier Damiano parla della corruzione dei moderni pastori. E sembra questo discorso essere in proporzione a quello che tra il "fumo" fa Marco Lombardo, sulla reità del mondo. Benedetto parla delle badie fatte spelonche e delle cocolle fatte sacca. Marco Lombardo ha dichiarata la malizia della strada del mondo, questi l'altra dell'altra: di quella di Dio.2

E nel cielo delle stelle fisse è la beatitudine

  1. Par. XXI 91 segg.
  2. Par. XXI 127 segg. e XXII 73 segg.