Pagina:Sotto il velame.djvu/422


occhi che erano di là da quel fuoco. Nel salire, già Dante vuol sapere come salga; e da Beatrice lo sa. E si congiungono "con la prima stella".1 Essa è lucida, ma è una nube. E Dante vuol sapere il perchè delle macchie lunari; e da Beatrice lo sa. Egli apprende verità speculative sin qui. Lo dice: 2

Quel sol che pria d’amor mi scaldò il petto, di bella verità m’avea scoperto, provando e riprovando, il dolce aspetto.


E dopo aver veduto Piccarda, due dubbi lo affamano. Vuol sapere, perchè la violenza altrui scemi il merito di chi la sofferse, e se è vera la sentenza di Platone che le anime tornano alle stelle.3 Chiarito di questi due punti, domanda "d’un’altra verità".4 E quella che perfettamente vede, 5 illustra anche questa. E parla della libertà del volere.

Salgono ancora. Sono nella Stella di Mercurio, più limpida, non però perfettamente limpida. Gli splendori che vi sono dentro, sembrano pesci in acqua tranquilla e pura. Un velo c’è, per quanto trasparente.6 Qui Dante apprende la storia dell’Aquila Romana. Siamo nella vita attiva. E’ la ragion pratica che è illuminata.7 E poi gli si solve il dubbio intorno alla giusta vendetta che fu giustamente vendicata.8 E siamo anche qui nella giustizia, che è la virtù massima dell’attività. Si può concludere che domina la sapienza nella prima stella e la scienza nella seconda?

  1. Par. II 30 segg.
  2. Par. III 1 segg.
  3. Par. IV 19 segg.
  4. Par. IV 135.
  5. Par. V 7 segg.
  6. Par. VI 100 segg.
  7. Par. VI 1 segg.
  8. Par. VII 7 segg.