Apri il menu principale


I peccatori... Ma prima s'oda questa esclamazione:1

O superbi cristian miseri lassi,
che della vista della mente infermi,
fidanza avete ne'ritrosi passi;


ossia nell' aversio da Dio, nel "mal sentiero", nella "via torta";

non v'accorgete voi che noi siam vermi
nati a formar l'angelica farfalla?
..........................................
di che l'animo vostro in alto galla?

E quest'altra:2

O sopra tutte mal creata plebe,
che stai nel loco, onde parlare e duro,
me' foste state qui pecore e zebe!


Noi siamo vermi, dice il Poeta a proposito della superbia, nel purgatorio; spregevoli, bassi, nulli nella vita presente. Non c'è da insuperbire di tal condizione. Ma questi vermi si mutano in farfalle che volano a Dio, dopo la morte. Vogliam restare vermi in eterno? E, a proposito del tradimento, se avesse adoperata la stessa comparazion del verme, avrebbe detto: O vermi (invero Lucifero è il vermo reo), che voleste rimaner vermi! Meglio davvero che foste stati vermi e non uomini! E i superbi cristiani e la plebe sopra tutte mal creata sono puniti in modo analogo. Quelli3

  1. Purg. X 121 segg. XII 72, X 3.
  2. Inf. XXXII 13 segg.
  3. Purg. X 115 seg., 119, 136 segg.