Pagina:Sotto il velame.djvu/309


in un luogo che mi par certo che Dante conoscesse1. "Il diavolo è alla nostra destra, quando colui che cadde dal cielo, assoggettandoci nel consentimento al peccato, sale su noi. Quando noi cadiamo, il diavolo sta ritto (erigitur); quando noi sorgiamo egli è abbattuto". E così Lucifero sta eretto per i peccatori2:

Lo 'mperador del doloroso regno
da mezzo il petto uscìa fuor della ghiaccia;

ma Dante, di 1ì a poco, lo vede "le gambe in su tenere"3. Dante ha trionfato di lui. E nello scendere di grado in grado, ha sempre avuto lui alla sinistra; al contrario dunque che l'avrebbe avuto, se fosse stato peccatore; e in ciò è un continuo contrasto, un continuo battagliare col principio del male; che è alla destra di chi pecca, e alla sinistra di chi si converte. Ma non in solo ciò s'ha a vedere il segno di questa guerra. Come Dante finisce col salir sul diavolo e vederlo arrovesciato sotte sè, il che è il trionfo ultimo, così passa i fiumi inguadabili, e mediante il parlare ornato di Virgilio, si fa lasciare il passo dai demoni, e cavalca i mostri dell'abisso.

Solo una volta fa di mestieri, avanti la porta chiusa dell'ingiustizia, la virtù eroica del supremamente forte e giusto. Ma, fuor di quella volta, Minos ascolta, senza contrapporre nulla, il decreto dell'onnipossente4; Cerbero si racqueta col pasto di terra

  1. Hugo de S.V. Vol.II Miscellanea II 14. Diabolus vi è interpretato (come però da altri sovente) deorsum fluens; e Dante dice "dal ciel piovuti".
  2. Inf. XXXIV 28 seg.
  3. ib. 90.
  4. Inf. V 21.