Pagina:Sotto il velame.djvu/293


la sua patria, la sua condizione, la sua reità e il suo nome1:

Io piovvi di Toscana,
poco tempo è, in questa gola fera.
 
Vita bestial mi piacque, e non umana,
sì come a mul ch'io fui: son Vanni Fucci
bestia, e Pistoia mi fu degna tana.


O dunque? codesta vergogna propria di quella disposizione di cui è proprio l'intelletto, dov'è? E' qui. Dante dice: "Aspetti un poco questo vantatore. Come è quaggiù sì basso, se non era che un uomo di sangue e di crucci? Ci ha a essere altro, ch'egli non confessa"2.

E il peccator, che intese, non s'infinse,
ma drizzò verso me l'animo e il volto
e di trista vergogna si dipinse;
 
poi disse: "Più mi duol che tu m'hai colto
nella miseria dove tu mi vedi
che quando fui dell'altra vita tolto.
 
Io non posso negar quel che tu chiedi;
in giù son messo tanto, perch'io fui
ladro....


Vanni non si vergogna fin che si tratta di dire della sua vita bestiale e d'uom di sangue: si vergogna per la giunta. E confessa, sì, senza infingersi, questa giunta; ma perchè "non può negare"; e tuttavia vuol mostrare la sua orribile audacia, e drizza "l'anima e il volto"; ma

  1. Inf. XXIV 122 segg.
  2. ib.130 segg.