Pagina:Sotto il velame.djvu/290


E qui devo notare, tornando un passo addietro, una particolarità dei bestiali del primo cerchietto. Sono essi tra l'incontinenza e l'ingiustizia, partecipi dell'una e dell'altra in varia misura. Quelli in cui l'incontinenza predominò, è ragionevole supporre che Dante li rappresenti, per questo rispetto del dolersi nel luogo della pena, come i peccatori d'incontinenza. Vediamo invero che ai violenti contro Dio è posta "diversa legge"1.

Supin giaceva in terra alcuna gente,
alcuna si sedea tutta raccolta,
ed altra andava continuamente.


Quelli che vanno, sono i sodomiti. E vien subito in mente la rapina dei lussuriosi. Ma c'è altro. L'andare continuamente ha un senso mistico; significa essere agitato dallo stimolo della coscienza2. "Non siede, non giace, ma cammina (deambulat) colui che è inquietato dal rimorso della sua coscienza". In vero Capaneo che giace non è maturato dal fuoco, e colui del sacchetto bianco, che siede, distorce la bocca e trae fuori la lingua, come soleva. Ora quelli che camminano, riconoscono, il loro fallo, sì per bocca di Brunetto che chiama "lerci" i pari suoi, sì per quella di Iacopo Rusticucci che parla del "dispetto" che può ispirare la loro miseria e il "tinto aspetto e brollo"3. E di più, con altra voce e altro cuore, costui apporta una scusa del suo peccato, come Francesca. Amore fu, dice l'una; la fiera moglie mi nuoce,

  1. Inf. XV 108, XVI 29 seg.
  2. Rich. de S.Victore, De erud. hom. inter. 39: Ille ergo deambulet, que, conscientiae stimulus undique exagitat.
  3. Inf. XV 108, XVI 30 seg.