Pagina:Sotto il velame.djvu/272


bero,per esempio, tra quelli che fecero forza nella Deitade1 o tra gli autori di scismi o anche tra i traditori. Il loro fu peccato omninamente speculativo.

Di loro non si ragiona nella partizione che fa Virgilio dei peccati e delle pene. E così non si ragiona, in quella, degl'ignavi del vestibolo e dei sospesi del limbo. D'un dei peccatori si dice che fu di quelli “che a ben far poser gli ingegni„, e che fu sì degno2. A questo Dante desidera parlare, e da tempo, e gli mostra riverenza e ammirazione e anche pietà3. Tutto ciò e con proprie parole e sopra tutto col fare dell'Uberti il più sublime e del Cavalcanti il più affettuoso de' peccatori infernali; col persuadere a noi la riverenza e l'ammirazione e la pietà per loro. Inoltre lo sdegnoso è chiamato "magnanimo"4 cioè forte. Ed ecco che Farinata e gli altri sono il proprio contrario dei non forti che schiamazzano e gorgogliano alle falde della città; come Virgilio, pur magnanimo5, e gli altri spiriti magni sono il proprio contrario degli sciaurati che corrono e gridano oltre il fiume. In verità gli sciaurati e i sospesi sono al loro posto, per la difficnltas o infermità originate i primi, per l' ignoranza pur originale i secondi; e qui i fangosi sono fuor di Dite per l'infermità attuale, che li rese inetti alla giustizia, e i sepolti sono dentro Dite per ignoranza attuale o volontaria o mala, non ostante la loro giustizia.

Nel limbo Dante vede la "scuola di quel signor dell'altissimo canto"; ha dai grandi poeti, dopo che essi hanno un po' ragionato con Virgilio, un salu-

  1. Inf. XI 46.
  2. Inf. VI 79 segg.
  3. Inf. X 18, 43, 94, 109
  4. ib. 73.
  5. Inf. II 44.