Pagina:Sotto il velame.djvu/205


parole quasi uguali, sospiranti e piangenti e guaiolanti, con

diverse lingue, orribili favelle,
parole di dolore, accenti d'ira,
voci alte e fioche e suon di man con elle;


come mai? perchè mai? Perchè passano avanti alla porta senza serrame: si può credere. E il perchè delle strida dei peccatori carnali si può subito indovinare dal perchè dei sospiri e pianti degli sciaurati. La Redenzione fu in vano per gli uni e per gli altri.

Ma come la Redenzione puo essere significata dalla ruina, al modo che è espressa dalla porta infranta? Per scendere dagli spaldi della città roggia al primo dei cerchietti, che è della violenza, Dante con Virgilio prende1

via giù per lo scarco
di quelle pietre che spesso moviensi
sotto i suoi piedi per lo nuovo carco.

Era una rovina anche quella2.

Era lo loco, ove a scender la riva
venimmo, alpestro...
Qual è quella ruina, che nel fianco
di qua da Trento l'Adice percosse
..............................................
cotal di quel burrato era la scesa,
e in su la punta della rotta lacca...


Era una rovina; che a Dante pensoso dice Virgilio3:

  1. Inf. XII 28 segg.
  2. ib I segg.
  3. ib 31 segg.