Pagina:Sotto il velame.djvu/203


I.


La lupa toglie a Dante il corto andare del bel monte, e Virgilio a lui dichiara1:

A te convien tenere altro viaggio!


Quest'altro viaggio "per loco eterno"2 abbiamo veduto come cominciò: con la morte.

Dante sebben vivo corporalmente, può entrare nell'inferno, perchè la porta fu lasciata senza serrami dal Redentore. Ogni vivo può entrare, ogni morto deve entrare: nessuno o vivo o morto può uscire, che ella ha scritto al sommo:

Lasciate ogni speranza o voi ch'entrate.

Duro è entrare per chi è morto e per chi è vivo: chè una volta entrati, non s'esce più. In vero non da quella porta esce Dante. Ma Virgilio sì, ne esce. No; poichè dove si fa egli incontro a Dante? Nel gran diserto, presso la selva oscura, di qua del

  1. Inf. I 91
  2. Ib. 114