Pagina:Sotto il velame.djvu/194


A te convien tenere altro viaggio.


Cioè, l'altro.


II.


Dante era nel cammino della vita attiva o civile. Fuori del passo della selva, aveva trovato una "piaggia diserta"1. Nella "diserta piaggia" lo afferma impedito Beatrice e già volto per paura e già caduto sì basso2. Se la lonza gli apparisce al cominciar dell'erta, e forse più su il leone (che il poeta per l'erta continua, contra la lonza, il suo cammino), e percio la lupa; all'ultimo, per altro, quando rovinava in basso loco e delle altre bestie non ragiona più, all'ultimo, e perciò di nuovo "nella diserta piaggia", egli vedeva innanzi sè la lupa. La selva e la lupa, avanti e dietro sè. L'oscurità e la viltà e la nullità della vita, da una parte; l'ingiustizia o malizia dall'altra. In tale condizione si trovò Dante per aver ripreso "via per la piaggia diserta".

Nel purgatorio egli trova uno che dice di sè3:

del mondo seppi, e quel valore amai
al quale ha or ciascun disteso l'arco.


II "mondo" è la vita attiva o civile. Invero due strade ha l'uomo, "e del mondo e di Deo" 4. Quella di Deo è il cammino della vita contemplaiva, quella del mondo è quello della vita attiva o civile, la quale ci conduce "nel governo del mondo",

  1. Inf. I 29.
  2. Inf.II 62seg. Purg. XXX 136.
  3. Purg. XVI 47 seg.
  4. ib. 107 seg.