Apri il menu principale

Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/372


— Vi ricordate, eh, Giovannino, quel tale che voleva impegnare l'orologio di nichelle?—.

— Se non ci ero io, ve la faceva — rispose Giovannino, senza sgomentarsi ma senza voltarsi verso Chiarina.

— È vero, ho visto che siete assai astuto, siete proprio nato per fare l'impegnatore.

La ragazza si alzò, improvvisamente, e uscì dalla stanza. I due rimasero un po' in silenzio, guardandosi. Il primo a parlare, con disinvoltura, fu Giovannino; ma ogni tanto come un tremito gli passava nella voce. Chiarina non ricompariva.

— Carminella, che fa Chiarina?— chiese donna Gabriella alla serva che aveva chiamata.

— Sta dicendo le divozioni — rispose seccamente la pinzochera avvolgendo i due in una sola bieca occhiata: e se ne andò.

Pure, poco dopo. Chiarina ricomparve. Si fermò, ritta sulla soglia:

— Madre!— disse, con voce assai tramutata, — madre!—.

— Che è?

— Permettete che io dica due parole a Giovannino?

— Dille pure.

— Deve essere in segreto, scusate. Vorrei che venisse di qua.

— Non puoi dirle davanti a lei?— disse Giovannino, cercando di schivare il colloquio.