Apri il menu principale

Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/295


— Io ne sono sicura, come se fosse la stessa verità, — esclamò lei, levando la mano, quasi, per giurare. — Saranno tutti arrestati, come associazione di malfattori.

— Follie, — disse lui levandosi, — Follie, io non ci penso neppure.

— Oh Carlo, Carlo, tu non vuoi dunque satvarti?

— Ma da che? Ma che vai avvolgendo nella tua mente fantastica? Io non ho bisogno nè di consigli nè di preghiere. Sono socio di Costa dal principio, continuerò ad esserlo, diventeremo ricchi quanto lui.

— È denaro rubato, — disse lei, duramente.

— Eleonora, tu perdi la testa! — gridò lui in collera.

— Ti dico che è denaro rubato, e che tu sarai preso come ladro, e che io sarò considerata come la moglie di un ladro!

— Taci, — disse lui digrignando i denti, — taci, pazza che sei!

Ella aveva chiuso gli occhi, con le labbra bianche, con una grande contrazione sui volto; parea che morisse.

— Del resto, — riprese lui sogghignando, non vi è paura. Giudici, presidenti, procuratori del re sono tutti amici nostri. Il denaro può molto. Che cosa non si compra col denaro?

— Carlo, Carlo! — fece lei rabbrividendo.