Apri il menu principale

Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/226


— Grazie, grazie — disse lui, commosso. — Ieri ho ricevuto una lettera, una lunga lettera di mia sorella. Mi domandano.. mi domandano di quelle banche.. — mormorò, come improvvisamente preoccupato.

— Anche loro? laggiù? — fece ella meravigliata, non potendo dominare un lieve pallore.

— Pare.., n'è giunto il rumore in provincia. E poi... — soggiunse stentatamente — le donne di provincia sono curiose... vogliono saper tutto da noi… credono che noi sappiamo tutto...

— Ma vogliono forse fare anch'esse qualche affare di banca? — ribattè lei, con un po' di sgomento nella voce.

— Non credo, non credo, — continuò a dire lui, stentatamente, come se non potesse inghiottire un boccone. Non hanno denaro, non possono averne, lo sapete siamo assai poveri.

— Meglio così, forse, — diss'ella, lentamente. — avete loro risposto?

— Si, subito. Ho scritto loro che queste banche non erano che una truffa, non potevano esser altro che una truffa. Così staranno in guardia.

— Ma se dite che non hanno… da perdere?

— Faranno stare in guardia gli altri — disse lui, sempre stentando a parlare.

— Buongiorno, professore, — disse lei, improvvisamente, andandosene assai pallida, come se un freddo mortale l'avesse colpita.