Apri il menu principale

Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/221


Ella aveva chinato gli occhi e impallidiva. Ma egli aveva sofferto troppo e lo teneva come un piacere acuto della sua sofferenza e dell'altrui. Continuò, fiacca niente, come se narrasse un fatto poco interessante:

— Il Giardino d'inverno è un po' teatro, un po' café—chantant, un po' trattoria dove si cena allegramente dopo lo spettacolo. È il ritrovo di giovinotti galanti, di mariti indipendenti e di signorine galanti e indipendenti...

— Ho inteso, ho inteso, — fece ella, affrettando il passo, come per non udire più.

— Ora che pare sia venuto un tempo di grande prosperità per Napoli — continuò lui, deciso ad andare sino in fondo, — poichè tutti quelli che credono in queste banche sono diventati ricchi, e sono diventati ricchissimi i banchieri, il Giardino d'inverno, ogni sera, è pieno di gaudenti. Quanto denaro corre! Vostro marito, ieri sera, faceva risuonare i suoi napoleoni d'oro innanzi agli occhi dipinti di Lidia Gioia.

Ella non osò più dire nulla; ma le fiamme della vergogna le erano salite al volto delicato. Stava quasi per arrivare alla sua casa, quando un dubbio ricominciò a crucciarla.

— Mio marito è mescolato in queste banche? — domandò.

— Pare, col banchiere Costa.

— Ed è una cosa pericolosa?