Apri il menu principale

Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/220


— Lo vedo; — disse il signor Paolo — dalla finestra della mia stanza si vede tutto.

— ... a volte è di un folle buonumore, come se volesse stordirsi, dimenticare. Oh signor Paolo, certo egli è in pericolo! Non è mai stato una notte senza tornare a casa.

— Io l'ho visto, ieri sera, — e il signor Paolo, pronunziò queste parole, freddamente o distrattamente.

— Oh per carità, ditemi dove? — fece ella, congiungendo le mani, in atto di preghiera.

— Perchè dovrei dirvelo? — ribattò lui, con un po' di durezza. — Sono forse il custode di vostro marito?

— Avete ragione — e chinò li occhi un po' umiliata. — Io vi sono di gran tormento. Almeno... per rassicurarmi.

— Oh potete rassicurarvi —— foce lui, sorridendo ironicamente — vostro marito non corre alcun pericolo.

E continuò a sorridere ironicamente. Ella era diventata tutta timida, intravedendo la verità, non osando domandar nulla.

— Lo vidi ieri sera — fece lui, distrattamente — a quel teatro che chiamano il Giardino d'inverno. Non ci siete mai stata?

— No: non vado in nessun posto.

— La mia domanda era sciocca, scusatemi. Il Giardino d'inverno non è fatto precisamente per le signore oneste.