Apri il menu principale

Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/181


— Veramente.. non lo sapevo… è uscito?

— Uno dopo l'altro, signora mia, una bellezza, tutti e tre, sopra la tabella. Ora, se è lecito, vorrei sapere la risposta, per la mia padrona, a proposito dell'appartamento.

— Dirai a Donna Luisa Jaquinangelo che io non ho giuocato il biglietto e non ho vinto niente — disse la signora, con molta dolcezza.

— Gesù — strillò Concettella. — Buona sorte gettata a mare! E come, non l'avete giuocato?

— L'ho dimenticato, — continuò dolcemente la signora.

— Come uno può scordare i numeri? — chiese ingenuamente Concettella.

— Tutto accade — mormorò a bassa voce la signora.

— E Tommasina non ci è? Neanche lei ha giocato?

— È andata a comperare il caffè: ma speriamo, povera diavola, che abbia giuocato e vinto qualche cosa di grosso — soggiunse dolcemente la signora.

— Sicchè debbo dire che restate qua? Gli è che Donna Luisa, ora che ha vinto il terno, vorrà disporre di tutto l'appartamento...

— Quanto ha vinto? chiese con uno sforzo la signora.

— Centomila lire.

— E tu?

— Duemila: non avevo altri soldi, da giuocare.