Apri il menu principale

Pagina:Serao - All'erta, sentinella!, Milano, Galli, 1896.djvu/102


cercando di abituarsi alla oscurità; il suo figliuolo gli sorrideva tacitamente nella penombra, lasciando che la madre terminasse il racconto. Anche il padre ascoltava quella meravigliosa storia che non osava interrompere e assuefatto oramai all'oscurità guardava negli occhi il suo piccolino ammalato. Col trionfo della bellezza e della virtù, con la punizione della bruttezza e della perversità, la fiaba finiva e il bimbo crollava la testa soddisfatto, contento.

— Come sta? — diceva il capitano Gigli a sua moglie.

— Bene — rispondeva il fanciulletto, prima ancora che sua madre rispondesse.

— Dice sempre così, poverino — mormorava la madre, carezzandogli i capellucci madidi — lo dice per farci coraggio.

— — Ma non sta bene? — chiedeva il padre, ansiosamente, più turbato nell'anima di quel che paresse.

— Così, così — dicea la mamma, accomodandogli i cuscini.

E rimaneva taciturna, malinconica. Il marito, angosciato, indovinava una parte delle sue angosce.

— Vorresti portarlo via, nevvero? — le chiedea, per trarla da quel silenzio, in cui ella appariva più abbattuta, più accasciata del bimbo infermo.

— Sì — rispondeva ella.

— Il medico dice che non si può — soggiungeva timidamente il marito.