Apri il menu principale

Pagina:Seneca - Lettere, 1802.djvu/8


rato uso, pessimo già diventato, di biscantare per checcessia; mentre accade talora che quei medesimi, a loda de’ quali tesseansi Sonetti a bizzeffe e Madriali e Canzoni, ricusino oggidì l’obblazione di tali insipide cantilene, che accomunavanli con un numero immenso di dissennati e superbi, andanti a caccia di plausi. Di fatti qual più ridicola costumanza della già invalsa tra noi di pregare, ed anco di pagar gente, che strimpelli un colascion posto a prezzo, per sentirsi grattato soavemente l’orecchio dal suono delle laudi propie? Dolce, nol niego, è l’armonia de’ versi, quando sieno ben temprati alla faticosa incudine; ma più dolce riesce d’assai, quando offerti vengano spontaneamente da un cuor sincero, poichè gli encomj, che accattansi eziandio presso i gran Poeti, tornano biasmi, e creano vitupero, anzi che gloria, sempre che non giungasi a meritarli. Ma siccome del propio merito nissuno esser puote giudice competente, e siccome un uom modesto rifugge dal credersi da più degli altri, e sdegna