Apri il menu principale

Pagina:Salgari - La stella dell'Araucania.djvu/58

58 Capitolo V.


— Riordina le tue idee, papà Pardoe e narra tutto alla tua Mariquita. Tu non devi aver segreti per me.

Che cosa vuole da me mio padre?

Si è forse fatto male scendendo in città? Parla, parla!

— No, tutt’altro, anzi vi aspetta nella taverna del peruviano, come volete che si sia fatto male...... —

La giovane s’avvicinò al pescatore prendendogli le mani e guardandolo fisso, poi gli disse con voce che tremava:

— Che cos’hai? Cos’è accaduto? Tu sei commosso e nei tuoi occhi io vedo una lagrima. —

Il baleniere non aveva osato rispondere, stupito di essersi tradito involontariamente.

— Sono stato uno stupido, —pensava, — tuttavia prima o dopo, da me o da suo padre doveva venire a saperlo. Narrando tutto eviterò un nuovo dolore a quel buon signor Lopez.

— Parla, papà Pardoe! — gridò Mariquita, scuotendolo.

— Io non doveva far altro che condurvi nella taverna del peruviano dove vostro padre ed un mio amico vi aspettano, — rispose il pescatore che s’imbrogliava sempre più.

— Per quale motivo?

— È stato trovato un documento... due morti si sono scoperti sul dorso d’una balena... Mariquita, perdonatemi se vi recherò un gran dolore, ma voi dovete essere forte e non spaventarvi.

— In nome di Dio, parla! Spiegati papà, Pardoe.

— Non è morto.... anzi.... abbiamo delle prove che è ancora vivo. forse potremo salvarlo.

— Chi? chi?

— Alonzo.....

— Alonzo! — gridò la giovane, retrocedendo vivamente e lasciandosi cadere di peso sulla poltrona. — Alonzo!.... Ah!.... —