Apri il menu principale

Pagina:Salgari - La stella dell'Araucania.djvu/298

298 Capitolo XXI.


La giovane araucana, atterrita, li vide scomparire, poi riapparire a galla sempre strettamente avvinghiati poi tornare a immergersi. Un grido straziante le lacerò il petto.

— Oh, mio Piotre! —

Ad un tratto una testa emerse presso il banco. Era quella del baleniere.

La sua forza straordinaria aveva trionfato ancora una volta. Si era liberato dalle strette di Alonzo e questi esausto dalla lotta, e per la perdita di sangue, era colato a fondo.

Giusta punizione d’un miserabile ingeneroso.

Mariquita, vedendolo riapparire, gli aveva stese le braccia, aiutandolo a salire sul banco.

— Perdonami, Piotre, — disse.

— Grazie, — rispose invece il baleniere. — Ora nessuno più verrà a disputarti. —

Un grido li interrupe:

— Una nave!.... Una nave! —

Era il signor Lopez, che lo aveva mandato.

Un piroscafo che era uscito fra una nuvola nebbiosa, si dirigeva verso il banco a tutto vapore.

Aveva scorto quei due uomini e quella fanciulla e correva a salvarli.