Apri il menu principale

Pagina:Salgari - La stella dell'Araucania.djvu/295


Un dramma su un banco di ghiaccio 295


Alonzo si era precipitato verso Mariquita afferrandola strettamente pei polsi.

— È vero quanto ha detto quell’uomo? — le gridò, con voce sibilante.

— Non so di che cosa si tratta, calmatevi..... perchè questa contesa?

— Egli ha affermato che tu non sei più mia.

— È vero, — mormorò la giovane abbassando il capo.

— E tu osi dirmelo sul viso?

— Ho fatto solenne giuramento di diventare sua moglie, per costringerlo ad armare la sua nave e salvarti.

— E manterrai questo giuramento?

— Lo manterrò, — rispose Mariquita, con voce ferma. — Piotre mi ha dato tali prove di affezione, come nessun altro uomo avrebbe potuto darmene, tu compreso, ed oggi io lo amo.

— Ed io?

— Piotre ti ha salvato.

— Vile femmina! — urlò Alonzo, alzando su di lei il pugno.

Piotre, che fino allora era rimasto immobile e silenzioso, con un salto si era slanciato fra Alonzo e Mariquita, gridando.

— Tocca mia moglie se l’osi! —

— Signor Lopez, — disse Alonzo, fuori di sè. — E voi permetterete che ciò accada!

— Io vi ho amato come un figlio perchè vi ho creduto leale e gentiluomo, ma ieri sera mi avete dato una prova della bassezza del vostro animo, cercando di far divorare dai selvaggi Piotre.

Voi non siete più degno della mia stima, signor Gutierres:

essa è passata a vostro cugino che ormai la gode intera.

— Morite tutti! —