Apri il menu principale

Pagina:Salgari - La stella dell'Araucania.djvu/208

208 Capitolo XIV.


— No, — rispose questi, — sarà tornato alla sua capanna.

— Eppure tu mi avevi detto che poco fa era qui, — disse Piotre, assai contrariato.

Lo stregone raggiunse i pescatori e scambiò con loro alcune parole che nè il baleniere nè papà Pardoe poterono comprendere.

I selvaggi raccolsero i loro pesci ponendoli dentro una pelle di guanaco, chiamarono i cani, quindi s’allontanarono con una certa velocità, dirigendosi verso i boschi.

— Perchè se ne vanno? — chiese Piotre allo stregone, il quale era tornato.

— Ho detto loro di avvertire Takà del vostro arrivo e di aspettarvi.

— Andremo a trovarlo?

— Sì.

— Dove si trova la sua capanna?

— In mezzo al bosco. —

Piotre guardò papà Pardoe.

— Potremo fidarci di quest’uomo? — gli chiese.

— Lo terremo in ostaggio fino a cosa finita, — rispose il vecchio. — È bensì vero che questi stregoni non godono molta considerazione fra i loro compatriotti, tuttavia sono temuti e non ce lo lasceranno in mano.

Al primo indizio d’un tradimento, lo manderemo a trovare Yam-ena.

— Che non ci tendano un agguato in mezzo ai boschi? C’è poco da fidarsi di questi isolani.

— Siamo armati, capitano, e sapremo difenderci. E poi, pensate che forse quel cacciatore può darci notizie importanti sul naufragio della Rosita e risparmiarci delle lunghe ricerche.

— Andiamo, — disse Piotre allo stregone, il quale aspettava i suoi ordini. — Ti avverto intanto che noi non ti la-