Apri il menu principale

Pagina:Salgari - La stella dell'Araucania.djvu/158

158 Capitolo XI.

come penserà a voi e come sospirerà il momento di ritornare per farvi sua.

— Sì, — rispose Mariquita con profonda tristezza, — eppure non vorrei mai che giungesse il momento di rivederlo.

— E perchè, Mariquita? — chiese il pescatore, stupito per quella parola.

— Non lo so....

— Temete l’incontro dei due cugini?

— Può essere.

— Eh! Non ci saremo anche noi?

— Sì, lo so, sono amici devoti quelli che abbiamo imbarcati, ma gli altri, quelli di Piotre?

— Non sono che sei, più il comandante.

— E devoti tutti a lui.

— E noi siamo in egual -numero e non da meno da loro, — disse il pescatore, abbassando la voce.

— Sii prudente, papà Pardoe.

— Non dubitate di me, e nemmeno degli altri. Sono orsi i marinai di Piotre, taciturni come il loro padrone, ma non credo che siano cattivi camerati, e poi quando saremo arrivati laggiù li sorveglieremo.

Ecco il momento terribile: Piotre lancia la sua baleniera nel canale. Ha dell’audacia e del fegato quell’uomo! Parola da marinaio, non ho mai veduto un comandante più valente di lui! —

La Quiqua stava per cacciarsi fra le montagne natanti.

Dinanzi ad essa si delineava un canale non più largo di quindici o venti metri, che serpeggiava fra banchi ed ice-bergs di moli enormi i quali spinti dal vento e risospinti dalle onde, ora si stringevano minacciando da un momento all’altro di chiudere il canale ed ora si allargavano.

Non ci voleva che un uomo audace come Piotre per cac-