Apri il menu principale

Pagina:Salgari - La stella dell'Araucania.djvu/140

140 Capitolo X.


— Fate salpare le àncore senza perdere tempo o la Quiqua prenderà fuoco; i vostri fucili sono insufficienti a respingere questo attacco.

— Soffia sempre il vento, — rispose il baleniere, già assai preoccupato della brutta piega che prendevano le cose.

— Non vi è da esitare, Piotre. Meglio arenarsi, in questo momento, sulle coste della Terra del Fuoco, che perire fra le fiamme. Guardate! Le tavole cominciano a fumare ed i cavalieri si accostano sfidando le onde.

— Tenete testa all’assalto per cinque minuti coi nostri uomini. Se la mia Quiqua si perderà, non sarà stata colpa mia e spero che non si dirà che io l’ho mandata a fracassarsi, piuttosto di mantenere la mia promessa.

— Nessuno oserà dirlo. —

Il baleniere gli porse la sua carabina, poi con voce tuonante comandò:

— All’argano i miei uomini! Si salpino le àncore e si spieghi la gran gabbia! Fuoco, gli altri! — Poi si avvicinò a Mariquita che stava ricaricando i fucili di papà Pardoe e di José, dicendole:

— Una parola.

— Parlate, Piotre.

— Se la mia nave questa notte dovesse perdersi, manterrete il vostro giuramento? Se rifiutate, io non mi muoverò di qui, dovessimo perire tutti fra le fiamme.

— Che cosa volete tentare?

— Riguadagnare lo stretto, ma là vi sono le onde, le scogliere e le raffiche. Pensateci!

— Mariquita non tradirà la promessa fatta, — rispose la giovane, con voce che non tremava.

— Mi basta. —

Mentre i suoi marinai salpavano precipitosamente le àncore fra il continuo grandinare delle bolas fiammeggianti