Apri il menu principale

Pagina:Salgari - La stella dell'Araucania.djvu/10

10 Capitolo I

pizzico di carbonato di potassa, ricavato dallo stelo della quinua, e di calce, il tutto impastato con un po’ d’acqua.

Per prepararsela masticano prima alcune foglie formando una pallottola, poi la impastano colla calce e col carbonato, quindi se la cacciano in un angolo della bocca impiegando il maggior tempo possibile per mangiarla, onde prolungare quella specie d’estasi che produce e che può anche calmare la fame per un tempo abbastanza lungo.

Il pasto stava per finire, quando dall’alto d’una rupe che scendeva a piombo sulla baia, si udì improvvisamente .una voce a gridare:

— Laggiù!... Una balena!... All’isola Grofton!...

— Tutti si erano alzati, lasciando le scodelle e anche i fiaschi. Un uomo, ritto sulla cima della rupe, si sbracciava accennando al largo e gridando sempre: — Una balena!... Una balena!... —

Quantunque quei giganteschi cetacei siano anche oggidì non rari nei dintorni della Terra del Fuoco e si mostrino spesso anche sulle spiaggie meridionali del Chili, pure quel grido aveva prodotto un certo effetto fra i minatori.

Pardoe sopratutto, vecchio baleniere, si era subito slanciato verso la rupe, seguito da Josè, mentre altri accorrevano verso la spiaggia per avvertire i marinai della nave.

— Ehi, vecchio Morales! — gridò Pardoe, salendo faticosamente la rupe. — Non sarà questo un cattivò scherzo, suppongo!... Non ho più le mie gambe di vent’anni!

— No, accorrete, è una vera balena! — gridò il minatore.

— Sta girando quella punta e le onde la spingono da questa parte.

— La spingono!... Nuota, vuoi dire.

— No, Pardoe; mi sembra morta.

— Vi sarà qualche nave dietro.

— No, è sola.