Pagina:Salgari - Il re della prateria.djvu/74

un fianco, onde infilarla di bordata coi suoi cannoni, al primo tentativo di fuga o di ribellione.

Subito un gran canotto venne calato in mare, e vi presero posto un ufficiale, dieci marinai e dodici soldati di fanteria di marina armati di carabine, sulle quali erano state inastate le baionette.

– Mumbai, – gridò Nunez, – fa' aprire l'armeria e trasportare nella camera comune fucili e pistole e una quarantina di sciabole d'abbordaggio. Non si sa mai ciò che può accadere.

Poi volgendosi verso il signor di Chivry, che pareva tranquillo:

– Lasciate che risponda io a quella canaglia. Forse tutto non è ancora perduto, ma tenetevi pronto a lanciare l'equipaggio contro gl'inglesi al mio segnale. Siete armato?

Il barone sollevò la larga fascia che cingevagli i fianchi, e mostrò i calci di due pistole.

– Tengo la vita di due uomini – disse sorridendo. – I miei colpi sono sicuri.

Il grande canotto era giunto a sole poche braccia, e stava per abbordare l'Albatros sotto l'anca di tribordo. L'ufficiale che lo comandava, un biondone barbuto, cogli occhi azzurri, fra i trenta e trentadue anni, fece segno all'equipaggio negriero di gettare la scala.

– Rascal – disse Nunez mentre i suoi uomini eseguivano l'ordine ricevuto. – Sai la tua parte?

– A meraviglia, capitano – rispose il marinaio che portava quel nome.

– A noi, allora, signori curiosi!

L'ufficiale inglese salì sul ponte colla sciabola in mano, seguìto dai soldati di fanteria di marina, mentre i marinai rimanevano nel grande canotto.

Il capitano Nunez lo accolse sulla cima della scala col più amabile sorriso sulle labbra e lo salutò cortesemente, dicendo:

– A quale onore debbo la vostra visita, signore?

L'inglese lo squadrò dal capo alle piante con una certa arroganza, restituì il saluto abbassando leggermente la sciabola, poi chiese:

– Siete voi il comandante?