Pagina:Salgari - Il re della prateria.djvu/102


12.

IL CACCIATORE DI PRATERIA


L'uomo apparso, poteva avere trentacinque o trentasei anni. Era di statura bassa, tarchiato, di un colore assai abbronzato, ed aveva i capelli lunghi e neri come l'ala d'un corvo; la barba pure lunga e fuligginosa.

Il suo vestito aveva del messicano e del cacciatore di prateria. Portava sul capo un ampio sombrero, adorno d'un gallone dorato; una casacca di velluto, corta e ricca di bottoni d'oro, stretta ai fianchi da una fascia rossa, gli copriva il dorso, mentre i pantaloni sparivano entro certe uose ricamate, che dagli indiani vengono chiamate mokassini.

Si gettò ad armacollo la carabina che teneva in mano, e si levò il sombrero salutando cortesemente il capitano e i suoi marinai con un:

Buenos dias, caballeros.

Poi abbracciò con effusione il signor di Chivry, che era balzato sulla riva, dicendogli:

– T'aspetto da una settimana.

– Ti sei impazientito?

– Ah no! Anzi non speravo di vederti così presto. È riuscito il colpo?