Apri il menu principale

Romero e Teresita 281


— No, solo: gli igoroti lo hanno preceduto.

— Andrò ad incontrarlo.

— Ed io?...

— Mi seguirai: desidero che il mio futuro marito assista al colloquio. Per te non devo più avere segreti, nè devo lasciarti alcun dubbio; ma non ti mostrerai se non quando ti chiamerò.

— Andiamo, Than-Kiù e sii forte.

— Non dubitare, Hong: ormai il cuore del Fiore delle perle è tuo.

— Seguimi. —

Guidati da un indigeno, si cacciarono in mezzo alla foresta, seguendo un sentieruzzo aperto fra quel caos di vegetali e dove già li avevano preceduti Sheu-Kin e Pram-Li con un’altra guida.

Percorsi cinque o seicento metri, trovarono i loro compagni appostati presso una macchia.

— Sta per giungere, — disse il malese a Than-Kiù. — Non è lontano più d’un tiro di fucile.

— È ancora solo? — chiese Than-Kiù.

— Sì, e porta con sè un quarto di babirussa.

— Lo incontreremo seguendo questo sentiero?

— Sì, Than-Kiù.

— Grazie, amici.

La giovane si rimise in cammino a fianco di Hong il quale non le staccava gli occhi dal viso, come se volesse leggervi i più reconditi pensieri; Than-Kiù però pareva tranquilla e solamente i suoi occhi neri e vellutati mandavano di tratto in tratto dei cupi lampi.

Percorsi trecento passi, la chinese s’arrestò appoggiandosi al tronco d’un sagu. Aveva udito scrosciare a breve distanza le foglie secche degli alberi e stormire delle fronde.

— Sta per venire, — mormorò con voce alterata. — Nasconditi dietro al tronco di quell’ebano, amico Hong, e potrai udire tutto.

Fiore delle perle, tu sei pallida, — disse il chinese, con accento triste.

— È vero: il mio cuore però batte per te.

— Io ho paura di questo incontro.

— Hai torto a dubitare del mio affetto.

— Sarà vero, ma io ti amo, Fiore delle perle.

— Ed il Fiore delle perle ama Hong il prode, — rispose la giovanetta, con un adorabile sorriso. — Fra pochi istanti ne avrai la prova. —

Gli additò l’albero, gli fece un cenno della mano come per rassicurarlo, poi lasciò cadere il mantello e si mise in mezzo al sentiero.

Era diventata pallidissima, eppure era risoluta a sostenere intre-