Apri il menu principale

Pagina:Salgari - Il Fiore delle Perle.djvu/325


Romero e Teresita 279


— Sogno! — esclamò. — Sei un’ombra od è Than-Kiù viva ancora che mi sta dinanzi?... —

La giovane chinese fece alcuni passi, poi lasciando cadere il mantello di seta ed incrociando le braccia sul seno che le si sollevava impetuosamente, disse, con voce sorda:

— Sì, sono io, Perla di Manilla. —

Teresita si era alzata e le si era avvicinata fino a toccarla.

— Tu! — esclamò. — Tu qui!... Than-Kiù!... —

Poi un impeto di gelosia la prese.

— Vieni qui a rubarmelo!... Disgraziata!... —

Ebbe però subito rimorso di quelle parole, perchè soggiunse subito, con voce piangente:

— Perdonami, Than-Kiù... io non ho il diritto di dire queste parole a te... a te che sei stata così generosa... Perdonami, ma io l’amo!... —

La giovane chinese non pronunziò una sillaba. Sempre immobile, colle braccia strettamente incrociate sul seno, la fissava con due occhi ripieni d’una cupa minaccia.

— Than-Kiù, — riprese Teresita, con un tono di voce nel quale si sentiva vibrare una viva inquietudine. — Cosa sei venuta a fare qui? Perchè hai lasciata Manilla? Chi ha recata a te la notizia della nostra disgrazia? Chi ti ha guidata attraverso le selve immense di quest’isola selvaggia? Sei forse venuta per vendicarti? Gran Dio! Parla, Than-Kiù! Il tuo sguardo mi fa paura!... —

Le si avvicinò ancora più, poi posandole le mani sulle spalle con un moto convulso, le disse con sorda voce:

— Tu ami ancora Romero! Io lo leggo nei tuoi sguardi! Tu sei venuta per disputarmelo ancora! Parla, parla Fiore delle perle. —

Un leggero sorriso aveva contratte le labbra della giovane chinese.

— Ti faccio paura, Perla di Manilla, — disse. — Paura? E perchè? Forse che in quella notte fatale in cui io ti vidi partire, a bordo della cannoniera, portando con te l’uomo che io avevo immensamente amato, non ti avevo abbracciata? Era rassegnazione, terribile rassegnazione, perchè l’indomani doveva essere fatale a qualcuno, ma era perdono. Tu mi chiedi cosa sia venuta a fare qui? Te lo dico subito: a salvarvi!...

— A salvare Romero?...

— No, entrambi.

— Tu, che dovresti odiarmi! — esclamò Teresita, con stupore.

— Un giorno, — disse Than-Kiù con voce cupa, — t’ho odiata e ti avrei uccisa se il destino t’avesse condotta ancora sulla mia via, ma ora.... che importa a me di Romero? Io l’ho dimenticato.