Apri il menu principale

Pagina:Salgari - Il Fiore delle Perle.djvu/318

274 Capitolo trentaquattresimo


Il suo ministro non aveva osato muoversi e batteva i denti pel terrore.

— Ascoltami, — disse il chinese, sedendosi dinanzi al sultano.

— Parla, — rispose questi, con un tremito, — e spiegami quanto è accaduto.

— È una cosa semplicissima: abbiamo lasciati a terra i tuoi uomini e noi abbiamo preso il largo a bordo delle tue canoe.

— E perchè avete fatto questo? — chiese il sultano, digrignando i denti.

— Per impedire a te d’inseguire gli uomini bianchi e per farti rispettare l’ospitalità che Bunga ti aveva offerta. Tu non eri venuto qui come amico, bensì come padrone, forse come nemico. Negalo se l’osi.

— Io ero venuto qui per avere gli uomini bianchi e null’altro.

— E per fare schiavi Bunga ed i suoi sudditi, — disse Hong.

— E cosa vuoi concludere? — chiese il monarca, coi denti stretti.

— Che se tu non accetterai le nostre condizioni ti getteremo nel lago assieme al tuo ministro e faremo schiavi i tuoi guerrieri.

— Essi sono molti.

— I guerrieri della grande nazione degli uomini gialli non sono lontani e hanno fucili e cannoni in gran numero. Ad un mio ordine essi verranno qui e macelleranno i tuoi guerrieri. —

Il sultano divenne livido.

— Cosa vuoi tu infine? — chiese.

— Che tu rinunci all’idea di far inseguire gli uomini bianchi, i quali sono sotto la protezione degli uomini gialli.

— È tutto questo?...

— No, — disse Hong. — I tuoi guerrieri, se vorranno imbarcarsi e tornarsene in patria, dovranno lasciare tutte le loro armi agli igoroti.

— Anche le armi da fuoco? — chiese il sultano, con dolore.

— Quelle più delle altre.

— Hai finito?...

— Non ancora, — disse Hong. — Tu sarai libero di tornare a Butuan, però lascerai qui in ostaggio il tuo primo ministro e dieci dei tuoi più rinomati guerrieri.

— E perchè lasciare degli ostaggi?...

— Per impedirti di tornare qui e vendicarti, — rispose Hong. — Alla tua prima minaccia gl’igoroti decapiteranno il tuo primo ministro ed i guerrieri. Mi hai compreso?...

— Sì, — rispose il sultano con voce sorda.

— Accetti queste condizioni? —

Il monarca non rispose: egli guardava ferocemente Hong, Bunga ed il malese Pram-Li che era allora entrato sotto il padiglione.