Apri il menu principale

Il sultano di Butuan' 269


ed è appunto per questo che sono venuto qui per farmi regalare gli uomini bianchi. Sono molti anni che desidero avere degli schiavi dalla pelle pallida, dei cristianos.

— Allora andrai a cercarteli, non essendo più qui.

— Mi dirai almeno dove sono fuggiti.

— Verso il Bacat.

— Sta bene, — disse il sultano, con accento minaccioso. — Noi li prenderemo e poi faremo tagliare la testa all’uomo che mi avrà ingannato.

— Vuoi parlare di me? — chiese Bunga.

— No, dell’altro, — disse il sultano con un sorriso da tigre. — Tu sei mio amico.

— Lo sapevo già, — rispose il capo degli igoroti, forzandosi a sorridere. — Noi salderemo la nostra amicizia con un gran banchetto.

— Che ci darai?

— Questa sera, ti ho detto.

— Grazie, amico, conto su di te. —


Capitolo XXXIV

Gli ostaggi

Alla sera il villaggio fiammeggiava da un capo all’altro.

Giganteschi falò ardevano presso le capanne ed intorno alla piccola piazzaforte, e in mezzo alle vampe crepitavano e arrosolavano maiali e babirussa in così gran numero da far andare in sollucchero i guerrieri del sultano.

Drappelli d’igoroti, carichi di vasi di terra ripieni di vino di palma, uscivano senza posa dalla foresta, deponendoli intorno ai fuochi dove già si erano radunati i guerrieri del sultano.

Dinanzi alla piccola cittadella, su di una grande stuoia variopinta, aveva preso posto il monarca in compagnia dei suoi capi, di Bunga, Hong, Than-Kiù, di Sheu-Kin e del malese.

Quattro porci arrostiti interi, dei galli selvatici, frutta in grande quantità e molti vasi ricolmi di vino, erano stati deposti su quella tavola improvvisata ed il sultano aveva dato il buon esempio mangiando per due e bevendo per quattro.

Bunga si mostrava, o almeno fingeva di mostrarsi amabilissimo, incitando il sultano ed i suoi capi a far onore al banchetto e dando