Apri il menu principale

L'assalto delle pantere 151


mio corpo, — mormorò il disgraziato, battendo i denti. — Se riesco a giungere alla capanna, potrò chiamarmi ben fortunato. —

Le due fiere, vedendolo fermarsi, lo avevano imitato, anzi l’hariman-bintang si era subito sdraiata in mezzo all’erba, senza staccare dal chinese i suoi occhi che nella semioscurità avevano dei lampi giallastri. La sua compagna invece si era tenuta in piedi, battendosi i fianchi con la coda, con un moto nervoso che tradiva una certa impazienza.

Trascorsero altri due minuti senza che nè le due belve nè il chinese si muovessero, poi questo, un po’ rassicurato del contegno niente affatto aggressivo di quelle, si decise di continuare la ritirata, tanto più che ormai aveva la certezza di non trovarsi molto lontano dalla capanna.

Abbandonò alla chetichella l’albero protettore e scivolò in mezzo ad un macchione di rotang e di pepe selvatico, sperando di non essere stato scorto, ma s’avvide ben presto che anche le due pantere si erano mosse, riprendendo ostinatamente l’inseguimento.

Affrettò il passo essendo ormai scese le tenebre, tenendosi più che poteva presso gli alberi per rifugiarsi dietro ai tronchi in caso d’un assalto e appena scorse in distanza la capanna, si diede a corsa disperata, chiamando il malese e Than-Kiù.

La giovanetta e Pram-Li, che stavano preparando la cena, udendo quelle grida s’affrettarono ad uscire, credendo che fosse inseguito da qualche drappello di selvaggi.

— Cosa ti è accaduto? — gli chiesero, vedendo il chinese pallido come un cencio lavato e coi lineamenti alterati.

— Le pantere, — rispose egli con voce rotta. — Presto, prendete i fucili o ci faranno a brani. —

Pram-Li in due salti si precipitò nella capanna e tornò fuori portando tre carabine.

— Dove sono queste pantere? — chiese Than-Kiù, che nulla vedeva.

— Mi hanno seguìto per due chilometri, alla distanza di cinquanta passi, — rispose Sheu-Kin. — Mezzo minuto fa le aveva ancora alle spalle.

— Non vedo nulla.

— Nemmeno io, — disse Pram-Li.

— Vi dico che mi hanno seguìto fino qui.

— Quante erano?...

— Due.

— E non ti hanno assalito?...

— No, però non mi hanno lasciato un solo momento.

— Chi parla di pantere?... — chiese una voce.