Apri il menu principale
134 Capitolo diciannovesimo


soluta, poichè le canne, quantunque sorrette dalle vesciche e dalle budella si trovavano a fior d’acqua, costringendo i poveri naviganti ad avere le gambe continuamente bagnate.

La corrente era lenta, nondimeno il galleggiante dopo un’ora si trovava già a tre chilometri dall’isolotto, i cui canneti si distinguevano ancora confusamente, avendo cominciato le stelle ad impallidire ed il cielo a rischiararsi.

— Forse il più grave pericolo l’abbiamo già felicemente passato, — disse Hong, che continuava a girare gli sguardi in tutte le direzioni. — È stata una grande fortuna per noi che i coccodrilli non abbiano osato darci la caccia.

— Si saranno accorti che noi eravamo uomini da far di loro un nuovo macello, — disse Pram-Li.

— Non avrei però dato una pallottolina d’oppio della mia pelle, se avessero avuto la brutta intenzione di ritentare la lotta. È meglio che se ne siano rimasti tranquilli.

— Lo credo, Hong, — disse Than-Kiù. — Non avrei sopportato una seconda prova come quella di ieri sera. Io fremo ancora a pensare a quel terribile assalto.

— Nessuna fanciulla avrebbe potuto resistere, Than-Kiù, te lo dico io. Solo la sorella dell’eroe degli uomini gialli poteva sostenere simile lotta.

— Speriamo che sia stata l’ultima.

— Coi coccodrilli forse, ma non cogli uomini. Avremo da affrontare altri pericoli, prima di salvare l’uomo che tu hai amato.

— Affronterò tutto, Hong.

— Sei sempre decisa?...

— Sempre, se tu mi aiuterai.

— Sai che io t’appartengo corpo ed anima.

— Lo so e ti ringrazio, amico mio. Ho già verso di te dei debiti di riconoscenza forse più grandi...

— Continua, — disse Hong, vedendo che la giovanetta si era arrestata.

— Di quelli che avevo contratti con Romero.

— Forse esageri.

— No, Hong. Io non ti ho ringraziato questa notte, quando affrontavi, per salvar me, la più orribile morte; ma il Fiore delle perle serbava per altro tempo l’occasione di manifestarti la sua riconoscenza.

— Spiegati, fanciulla.

— Non è ancor giunto il momento, ma tu puoi comprendermi ugualmente.