Apri il menu principale
94 Capitolo tredicesimo


— Lo credo: vai, mentre io mi occupo dei miei uomini.

— Grazie, capo. —

Scese, lesta come uno scoiattolo, una stretta gradinata, e si trovò in una cameretta ancor più piccola della sua e tanto bassa da non poter rimanere col corpo diritto.

Alla scarsa luce che penetrava da uno stretto pertugio, scorse i tre disgraziati compagni coricati l’uno a fianco dell’altro, e colle gambe strettamente legate da corde di fibre di rotang.

Vedendola, Hong ed i suoi compagni avevano mandato tre grida di stupore:

— Than-Kiù!...

— Sì, sono io, amici, — disse la giovanetta.

— Per Fo e Confucio!... — gridò Hong. — Non sogniamo noi?...

— Niente affatto.

— Ti vedo libera d’ogni legame.

— E quasi padrona a bordo di questo praho.

— Scherzi tu?... Quale miracolo si è adunque compiuto?...

— Nessuno: sono diventata semplicemente la fidanzata del capo.

— Morte di Fo e di Confucio!... — urlò Hong, cercando, con uno sforzo furioso, di spezzare i legami e d’alzarsi. — Tu fidanzata di quel cane!... Ah!... Than-Kiù!... Ma no, non è possibile che il gentile Fiore delle perle infranga così presto le speranze del povero Hong!... —

La giovanetta lasciò che si sfogasse guardandolo tranquillamente, poi avvicinandoglisi col sorriso sulle labbra, gli disse:

— Ed Hong ha potuto credere a questo?... Il Fiore delle perle non ha il cuore doppio, nè dimentica gli amici che hanno esposto già più volte, in ventiquattro ore, la loro vita per salvarlo. No, mio bravo amico, il mio cuore non appartiene al capo dei pirati: io sono la sua fidanzata, ma per quanti giorni ancora?... Dovevo ben pensare a salvare te ed i miei due fedeli compagni.

— Ah!... Grazie Than-Kiù!... — esclamò Hong, raggiante. — Tu adunque speri di ridarci un giorno la libertà?

— Sì, Hong, e forse molto presto.

— E fors’anche... il cuore?... Dimmelo, Than-Kiù.

— Spera, — rispose ella sospirando.

Poi scuotendo il vezzoso capo, aggiunse con triste accento:

— Lui... è perduto per sempre per me... egli l’ama... La donna bianca doveva essere fatale al povero Fiore delle perle... ancora... sempre!...