Pagina:Salgari - I pescatori di trepang.djvu/163


la capanna aerea 161

CAPO XVI.

La capanna aerea



Non vi era un momento da perdere. I pirati, attirati da quei numerosi spari, si erano affrettati a salire per cercare farli prigionieri prima che cadessero in altre mani.

Forse credevano che fossero stati assaliti dagli indigeni e accorrevano non già per difenderli, ma per tema che i nuovi arrivati s’impadronissero di quelle prede viventi e saccheggiassero la scialuppa senza di loro.

I naufraghi, che udivano le voci avvicinarsi e che ormai distinguevano perfettamente i colpi dei remi, tirarono la scialuppa a terra e la coprirono con un ammasso di rami e di foglie, per non perderla e venire privati dei viveri e delle coperte che non potevano portare con loro. Per maggior precauzione, si caricarono delle munizioni, non volendo lasciarle nella scialuppa la quale poteva venire scoperta e saccheggiata quantunque fosse ormai bene nascosta.

— A terra, disse il capitano.