Pagina:Rusconi - Teatro completo di Shakspeare, 1858, I-II.djvu/91

80 macbeth

Macduff (a Rosse). Nobile cugino, siate il benvenuto.

Malcolm. Ora il ravviso. Oh! voglia il benefico Iddio distruggere in breve le cause che ne rendono così l’uno all’altro stranieri.

Rosse. Lo voglia Iddio!

Macduff. Quali novelle di Scozia?

Rosse. Oime! sciagurato paese! stenterebbesi omai a riconoscerlo! Patria infelice! che male ora ti chiameremmo madre, dacchè fatta sei solo tomba de’ figli tuoi, ogni riso, ogni gioia è dal tuo seno sbandita! Sospiri, gemiti e pianti empiono inutilmente quell’aure; e gli accessi del più violento dolore non trovano che irrisione e disprezzo. La squilla funebre annunzia ad ogn’istante le esequie d’un estinto, senza che uomo osi chiedere perchè morì; e la vita degli uomini è fatta più breve della vita dei fiori.

Macduff. Oh racconto funesto, e pur troppo vero!

Malcolm. Qual’è l’ultima sciagura colà avvenuta?

Rosse. Ogni minuto ne porta con sè una nuova.

Macduff. Come sta la mia sposa?

Rosse. Oh!... bene.

Macduff. E i figli miei?

Rosse. Ugualmente bene.

Macduff. L’iniquo tiranno non tentò turbare la pace loro?

Rosse. Erano in pace quand’io li lasciai.

Macduff. Non siate avaro di parole: in quale stato sono le cose?

Rosse. Allorchè io partii di Scozia per arrecare le novelle che con dolore ho annunziate, correva voce che una mano di generosi si fosse armata, e avesse bandito il segnale della rivolta. È mestieri secondare la nobile impresa; è tempo che corriate in Caledonia, dove la vostra presenza susciterà ovunque soldati, e farà combattere sin le femmine in vostro favore.

Malcolm. Si racconsolino; fra poco li sovverremo. La generosa Inghilterra, insieme col prode Siward, ne concede a ciò diecimila eroi, fiore d’ogni milizia.

Rosse. Volesse Iddio che ricambiarvi potessi la lieta novella con altra più lieta! Ma le parole ch’io debbo dire non dovrebbero proferirsi che nel deserto, ove da niun orecchio fossero ascoltate.

Macduff. A cui si riferiscono? È cosa generale o privata sventura, che volete annunziarne?

Rosse. Non v’è anima dabbene che non partecipi a questo dolore; ma la mole maggiore di esso ricade su di voi solo.

Macduff. Allora parlate, e tosto.

Rosse. Datemi fede che non vorrete abbonir quindi eterna