Pagina:Rusconi - Teatro completo di Shakspeare, 1858, I-II.djvu/293

282 la tempesta

né incantesimi per allettare; e il fine de’ miei sforzi sarebbe la disperazione, se non mi trovassi sussidiato dalla preghiera, la coi.punta valorosa apre il seno della clemenza, e la costringe a perdonare. Ora, se caro avete l’ottener mercè de’ vostri errori, compatite ai miei, e licenziatemi colla vostra benemerenza»1.




fine del dramma.

  1. Questo epilogo di Prospero allude a quegli antichi racconti de’ maghi, che nei loro ultimi istanti della vita entravano in grandissima disperazione, se la preghiere dei loro amici non valevano a riscattarli»