Apri il menu principale

Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/96


documenti visconteo-sforzeschi, ecc. 89

La tariffa come segue:

Ducati larghi habiano corso L. 5 s. 5.
Scuti soleti L. 5 s. 2.
Fiorini de Reno L. 3 s. 16.
Rogorini L. 5 s. 3.
Scuti novi L. 4 s. 4.
Testoni ducali L. i s. 5 d. 6.
Testoni Savoyni L. 1 s. 5.
Testoni de Monferrato L. i s. 2.
Mocenighi et Troni s. 17.

489. — 1522, settembre 15, Pavia. — Decreto relativo alle monete e sul valore dell’oro e dell’argento [Reg. Panig., P. 119 t. — Bellati, Mss.].

     Si dà il bando a tutte le monete m così de oro como de argento fabricate nela Cecha di Casale,» le quali monete tono ducati larghi, Scuti da laquila, Grossi da soldi nove appellati Cornoni, Grossoni, Parpajole da soldi due, et da soldo uno et dinari sei, Soldini».
     Bando parimenti a tutte le valute della zecca di Desana.
     «Item tute le parpajole da soldo uno denari sei, et soldini dal cimero perchè sono de manco bontate et peso del suo solito se da termine ad caduna persona, sino ad quindeci giorni del mese de octobre prox. ad poterli spendere et recevere, cioè le parpajole a soldo uno, dinari tri, et li soldini a dinari novi, et li cornoni novi et vechij similiter se possano spendere et portare via fino ad dicto termino de giorni quindeci de octobre proximo al solito corso, et passato dicto termino non se possano tenere in casa, spendere né portare fora dele citate né nel dominio; et se concede che le possano portare in cecha et gli serano pagate quello valerano secondo la bontate sua».
     Item banditi i «grossi fiorentini da soldi nove per caduno quali sono più grandi et più ligeri de li altri. Perchè si sono trovati ligeri et de minore bontate de li altri vechij perchè sono fabricati falsi fora de la Cecha di Fiorenza.
     «Item perchè se sono trovati fiorini da Reno, ducati et scuti de diverse sorte, et grossoni da soldi vinticinque, denari sei et grossi da soldi decesepte lunoj et altre monete quale sono in parte false et in parte abasse, si fa publica crida che ognuno se aguarda bene nel recevere tal oro, et moneta, et non ha-