Apri il menu principale

Pagina:Rivista italiana di numismatica 1896.djvu/494


jacopo iii mandelli conte di maccagno, ecc. 481
l'aquila imperiale ed i titoli dell’imperatore Ferdinando II. La croce sorgente fra le teste dell’aquila apparisce doppia e patriarcale. (Tav. VIII, N. 2).

Già presso di me, serbasi ora nel patrio museo di Brescia, nella cospicua raccolta legatagli dall’ottimo cittadino il defunto Camillo Bruzzoni.

Il peso sì di questo che dello zecchino descritto sotto il n. 9 arriva ai 16 carati della marca di Venezia o di Colonia (3 grammi e 2 decigrammi); l'oro poi del quale sono formati apparisce di titolo scadente.


12. — Ducatone.
D. — iacobvs . mandellvs . com . mac . i . c . r . Busto a destra vestito di ricca armatura e collare a lattuca.
R. — sacriq . romani . imp . vicar . perpe . Sotto corona principesca uno scudo ornato di rabeschi inquartato, nel 1 e 4 con tre leopardi, nel 2 e 3 con un’aquila semplice cui sovrasta un capo con tre bisanti, disposti 1 e 2.

In quest’arme sono veramente raffigurati i leopardi dei Mandelli che nelle altre vedemmo sostituiti da leoni. Non so spiegare la seconda inquartatura la quale entra a comporre anche l’arme più complicata della doppia. Il ch. di Koehne giudicò poter essere l’arme di Maccagno, ma forse è di parentado. I tre bisanti, o palle che siano, compariscono senza accompagnamento dell’aquila nell’arme del primo ongaro.

Questa bella moneta si conserva nel gabinetto imperiale di Vienna e vedesi effigiata in quel suo catalogo delle monete d’argento.


13. — Ducatone.
Col dritto perfettamente uguale al precedente, mostra al rovescio la stessa arme coronata entro uno scudo diversamente ornato, e la leggenda, abbreviata in questo modo: sacriq . rom . imp . vic . perp . lascia libero lo spazio dell’esergo nel quale leggesi in due righe: ducatone — 1626. (Tav. VIII, N. 5).

Come la doppia da due, questa varietà, posseduta dal conte Tazio Mandelli di Piacenza, fu descritta nei manoscritti del Viani.